La responsabilità del direttivo delle associazioni sportive

I soggetti che agiscono in nome e per conto delle associazioni non riconosciute sono chiamati a rispondere solidalmente con le stesse se, in forza del ruolo rivestito, abbiano diretto la complessiva gestione associativa nel periodo in cui sono sorti i debiti dei quali si chiede il pagamento. È a carico dell’Ufficio, che invochi la sussistenza dei presupposti di tale responsabilità, il relativo onere probatorio, che non si assolve con la sola dimostrazione della mera titolarità, in capo al contribuente, della rappresentanza dell’associazione. Questi i principi contenuti nell’ordinanza della Corte di Cassazione n. 1489, depositata il 21 gennaio 2019.

Share